Area Tutto sui Gatti

Tutto sui Gatti->le Malattie dei gatti->Dermato-Micosi-Tigna [ Cerca ]

Dermato-Micosi-Tigna
Titolo Dermato-Micosi-Tigna
Descrizione Dermato-Micosi-Tigna
Inviata da kedi

Dermato-Micosi (Tigna)

Tra le zoonosi che gli animali domestici con maggiore frequenza possono trasmettere all’uomo, senz’altro la dermato-micosi è quella più rappresentata. Quando si notano delle zone ben localizzate e tondeggianti prive di pelo bisogna sempre sospettare sia nel cane che nel gatto che possa trattarsi di una micosi e ovviamente bisogna rivolgersi al veterinario di fiducia per una corretta diagnosi. E’ una malattia localizzata unicamente alla base del pelo, generalmente non sono evidenti lesioni della cute (come croste o pustole) ed è quasi del tutto assente il prurito. Per la diagnosi il veterinario terrà in considerazione una serie di elementi di varia natura:

  • epidemiologici: come il possibile contagio tra animali della stessa specie o specie diverse; l'eventuale trasmissione ai proprietari che talvolta diventano i reali testimoni della dermatomicosi animale; la predisposizione delle razze feline a pelo lungo.
  • clinici : come la presenza di zone superficiali, caratterizzate da perdita di pelo estesa, bene spesso di forma circolare, raramente pruriginose, con squame sottili; talvolta a carattere infiammatorio.
  • di laboratorio : esame del pelo mediante l'uso di una determinata lampada (Wood) con comparsa, in caso di esito positivo, di una fluorescenza giallo-verdastra; test colturali del micete, anche attraverso l'uso di terreni colturali (DTM/Sabouroud) di pronto impiego in ambito ambulatoriale; biopsia di aree cutanee sospette.

Le micosi comportano un trattamento specifico e la loro prognosi è generalmente buona. Talora nel caso di forme generalizzate o recidive frequenti si può avanzare il sospetto che possano essere concomitanti affezioni generalizzate di altra natura, malattie immunodepressive (FIV), trattamenti prolungati con corticosteroidi, etc, che possono provocare una forma dermatofitica, caratterizzata da una prognosi non favorevole. I trattamenti terapeutici devono essere orientati ad arrestare l'estensione del processo , ad evitare la diffusione ad altri animali ed allo stesso proprietario, ad impedire la sopravvivenza del micete nell'ambiente esterno. Esistono in commercio diversi farmaci antimicotici ad azione fungicida, fungicida e/ fungistatica a seconda del dosaggio impiegato e solo fungistatici; si possono effettuare solo trattamenti locali con lozioni o creme, ma in molti casi alla terapia locale bisogna affiancare quella generale con farmaci da prendere per almeno 4 settimane. Non è infrequente nella popolazione felina la presenza di gatti che pur non presentando alcun sintomo clinico sono in grado di trasmettere la malattia ad altri animali o all'uomo. E' un fenomeno frequente nelle colonie di gatti randagi e trattasi di soggetti con infezione subclinica o portatori sani. Anche in questo caso ci aiuta il laboratorio perchè prima di sottoporre un gatto ad una terapia antimicotica sarebbe sempre meglio effettuare un esame culturale sul pelo.

Giudizio Voti: 1 - Media: 4

Inserisci un commento Vota
Commenti

Statistiche
Abbiamo 111 articoli della sezione 'Tutto sui Gatti' nel nostro database
La pių vista: Toxoplasmosi, gatto e gravidanza
La pių votata: Toxoplasmosi, gatto e gravidanza

Utenti totali presenti nella sezione Tutto sui Gatti: 1 (0 Utenti Registrati 1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti visibili sono: 0


MKPReviews ©2004-2005 All rights reserved
 


MKPortal M1.1 Rc1 ©2003-2005 All rights reserved
0.13805 21