Prodotti Per La Casa E Per La Persona, Etici ed ecologici
patata
Inviato il: martedì, 21 settembre 2010 - 10:58
Citeer Bericht


Ipergatto
*******

Group Icon

Messaggi: 12593
Iscritto il: giovedì, 14 luglio 2005 - 15:23

Casa Mia!



Mi ispiro alla discussione di Tuia sul diventare vegani per raccogliere info e consigli utili.

Ho sempre pensato che essere vegani o vegetariani comprenda non solo il discorso alimentare ma coninvolga moltissimi campi troppo spesso sottovalutati.

Mi capita spesso di sentire gente che protesta contro la vivisezione e poi non si fa alcun scrupolo nel comprare che ne so, il palmolive al supermecato....

Perchè costa meno, perchè non ci pensa, perchè è di corsa e c'era solo quello....

Oppure persone che si definiscono animaliste e poi non hanno la minima attenzione ai prodotti a basso impatto sull'ambiente....

Onestamente credo che riuscire a fare tutto sia davvero davvero difficile.

Ho sempre avuto abbastanza attenzione in questo senso ma ultimamente stiamo diventando molto attente.... E devo dire che è davvero soddisfacente, nonchè decisamente economico.

Voi come vi comportate? Che accorgimenti usate?

E se non ne usate... quali sono le motivazioni?



--------------------
PBEmail gebruikerGebruikerMSN
Top
tuia
Inviato il: martedì, 21 settembre 2010 - 11:40
Citeer Bericht


Supergattone
******

Group Icon

Messaggi: 3981
Iscritto il: giovedì, 09 novembre 2006 - 17:46

milano



ma posso chiederti in che senso.. economico?
perchè in effetti è vero che certi prodotti costano meno e spesso si guarda a quello. io penso 'ecologico' = più caro. in alcuni super ci sono marche che si pubblicizzano per essere eco e sono economiche, ed è facile.
purtroppo - benchè continui con soddisfazione nella mia scelta vegetariana - non ho molta attenzione su queste cose. o almeno solo in parte. credo di essere un po' disinformata. quando leggo le varie marche poi me lo dimentico csleepy.gif
dovrei farmi una lista e portarmela dietro... spesso compro al mercato per risparmiare, cose del tutto sconosciute.

poi credo che i prodotti dove posso sbagliare davvero sono proprio i detersivi e i saponi - almeno credo - cosmetici ne uso pochini. però compro la tinta!!! e, vedi, non ho nemmeno iedea di che marca sia... (che poi se invece una va dal parucchiere, come si fa a sapere cosa ti mette in testa?)

se andassi a comprare e trovassi scritto 'questa marca testa' non la comprerei. poi sono d'accordo che l'ignoranza non sia una giustificazione, ma in questo caso mi giustifico con me stessa perchè davvero mi è difficile stare dietro a tutto e ogni tanto cerco almeno di incastrate le cose per ricordarmi e accertarmi che qualcuno vada a prendere mio figlio a scuola.
invece (picolo quasi o.t.) più vado avanti più mi giustifico meno e mi sento tranquilla sul fatto di aver deciso di eliminare la carne dalla mia alimentazione.

ma, tornando a monte... a questo proposito, ripostare una listina che male non fa? angelic.gif con, magari, una lista di quello da comprare??? cevil.gif

so di aver scritto in modo molto confuso, ma non so perchè al lavoro continuino a interrompermi... gattofaccina299.gif


--------------------
Tuia - Tuietta alias Tuino - Zira - May - Panna

Tuia - Tuietta alias Tuino - Zira - May - Panna

Socio dell'Associazione Vittime degli Affidi Provvisori di Gattolandia
PBEmail gebruiker
Top
olimindy
Inviato il: martedì, 21 settembre 2010 - 13:39
Citeer Bericht


Gatto
***

Group Icon

Messaggi: 928
Iscritto il: giovedì, 24 luglio 2008 - 19:34

Torino



Sono perfettamente d'accordo con Patata, essere veg implica un radicale cambiamento non solo nell'alimentazione ma in TUTTI gli acquisti che si fanno, dagli alimenti ai cosmetici, ai prodotti per la casa e gli animali, all'abbigliamento... In genere vale la regola che più un'azienda è grande, meno è orientata a un comportamento etico ed ecologico, perchè per le multinazionali l'obiettivo primario è il profitto economico, e tutto il resto passa in secondissimo piano. Bisognerebbe quindi innanzitutto boicottare le multinazionali, come Procter & Gamble (che è in assoluto la peggiore, perchè testa non soltanto gli ingredienti dei prodotti ma anche il prodotto finito, quindi ogni cosa, dal detersivo per i piatti al rossetto è testato su pelle e occhi di conigli e altro), ma anche la Henkel (che tratta la maggior parte dei detersivi in commercio) e la Unilever tanto per citare le più famose. Questa la lista chilometrica dei prodotti da evitare come la peste:

http://www.lavocedeiconigli.it/lista_della_morte.htm

Questa invece è la lista dei "buoni":

http://www.lavocedeiconigli.it/lista_%20nocruelty.htm

Io per esempio, per quanto riguarda i prodotti per l'igiene della persona, in genere acquisto la linea dei supermercati Coop che è cruelty-free (ed anche economica!), oltre ai marchi i Provenzali che si trovano anche in molti supermercati e l'Erbolario. Per la pulizia del viso uso anche il sapone di Aleppo, che è completamente vegetale e biodegradabile, ed è favoloso per eliminare le impurità senza seccare la pelle. Le altre marche che sono in genere più costose non le ho ancora provate.
Per la pulizia della casa, per esempio in lavatrice uso sapone di marsiglia in scaglie, come ammorbidente e anticalcare l'aceto bianco e come sbiancante uso la classica soda oppure il percarbonato di sodio (da non confondere con il perborato di sodio che non è ecologico). A volte uso anche i detersivi liquidi ecologici e ricaricabili della Coop, ma su questi non ho nessuna certezza che siano cruelty-free. Per lavare i pavimenti uso acqua calda con un bicchiere di aceto bianco (che rende i pavimenti brillantissimi, e l'odore di aceto dopo pochi minuti va via), oppure alcool, quello classico rosa, oppure il detersivo Biancopuro Spuma di Sciampagna che va bene anche per pulire sanitari e piastrelle.
Anche per i miei amici animali cerco di acquistare prodotti non testati, per esempio i croccantini Almo, Sanabelle, Happycat, Affinity e Trainer. I croccantini vegetariani li ho comprati solo alcune volte (quelli della Amì) e li ho mescolati con i crocchi tradizionali, ma personalmente non sono d'accordo sul fatto di nutrire animali esclusivamente carnivori come i gatti con prodotti vegetariani.
Infine, se mi ammalo (facendo tutti gli scongiuri...) cerco di acquistare il farmaco generico per non dare i miei soldi alle multinazionali farmaceutiche.

All'inizio fare la spesa nel modo nuovo può sembrare una cosa impossibile, si tratta di leggere sempre attentamente tutte le etichette e cercare di ricordare tutti i marchi da evitare ma dopo un po' si fa l'abitudine e diventa una cosa normale. cwink.gif


--------------------
PBEmail gebruiker
Top
billy7
Inviato il: martedì, 21 settembre 2010 - 18:40
Citeer Bericht


Gatto
***

Group Icon

Messaggi: 604
Iscritto il: mercoledì, 29 aprile 2009 - 11:02





Condivido moltissimi suggerimenti di Olimindy (alcuni prodotti Coop o l'uso di aceto e alcol per le pulizie di casa).

Io credo che decidere di essere vegetariani sia parte di una filosofia che va oltre l'idea di rispettare gli animali evitando di mangiarli. Ci sono tante cose che si possono fare per vivere meglio in questo mondo, senza avvelenarlo o distruggerlo del tutto.

Cose apparentemente banali (chiudere l'acqua quando ci si spazzola i denti, comperare detersivi e prodotti per la casa a basso impatto, scegliere prodotti non testati ecc) vanno benissimo!!!! magari ci fosse più attenzione per queste piccole cose...
Io ho anche smesso di comperare le borse di pelle, mi sto attrezzando per le scarpe (questa si che è dura!!!!!!), quando vado a far la spesa mi porto le borse di tessuto che riuso...ecc...ci vuole solo un pò di pazienza!!!



--------------------
PBEmail gebruiker
Top
tuia
Inviato il: mercoledì, 22 settembre 2010 - 10:27
Citeer Bericht


Supergattone
******

Group Icon

Messaggi: 3981
Iscritto il: giovedì, 09 novembre 2006 - 17:46

milano



billy! sì, anche io non compro borse in pelle, e riutilizzo quelle della spesa quasi sempre portandomi le sportine. o comunque quando prendo quelle di plastica le uso poi per la spazzatura. per le scarpe invece è difficile non solo trovare delle cose decenti ma anche che non facciano male. e uso anche maglioni di lana soprattutto perché me li fa mia mamma e sonoa costo zero (per me.. lei ovviamente paga la lana). sto attenta su quello in cui posso/riesco.

nella lista di marche di prodotti utilizzabili linkata da olimindy non ce n'è una che conosca o che mi sembra possa trovarsi anche al supermercato. e mi correggo a questo punto, posso sbagliare sugli acquisti oltre i prodotti per l'igiene e i detersivi: nella lista nera ci sono anche moltissime marche di alimentari. poi in realtà credo che quelle liste siano relative solo alle società che testano… non so se rientri l’attenzione a livello ambientale.

io credo che non si possa fare tutto. non che mi giustifichi con questo ma non mi sento nemmeno in tremendo difetto.
la mia scelta di non mangiare più carne è molto per coerenza con il mio modo di essere e l’amore per gli animali e probabilmente la motivazione ecologica - anche se ovviamente sono contenta che l'essere vegetariana contribuisca al bene del pianeta - è solo secondaria. giusto o sbagliato sinceramente non lo so. ma egoisticamente ho bisogno anche di vedere cosa sia giusto per me a molti livelli e questo rientra nel rispetto della mia persona: arrivo dove posso, e mi sforzo di andare anche oltre ma non mi faccio del male.

in generale poi spero che le mie scelte influenzino il modo di agire e di vedere le cose di mio figlio, e credo che l’esempio valga perché ha un età in cui può scegliere e non è mia intenzione imporgli nulla (il rispetto naturalmente è sempre la base ma – per esempio - non gli direi di non chiedere la pizza con i wurstel perché mangia alla mia tavola).


ps
uso anche io l'aceto e l'alcool ma uso anche il sanibox prevalentemente per i gatti e non ho la più pallida idea di chi lo produca, in effetti.
di recente ho trovato però un ottimo rimedio al dilemma su come pulire: lo faccio sempre più di rado con grande risparmio di energia (mia) e di detersivi oltre che di acqua. poichè questo influisce in maniera decisamentepositiva sull'andamento del pianeta credo che puliro sempre meno. clol.gif
e comunque d'ora in avanti solo gatti Sphinx.

Messaggio modificato da tuia il mercoledì, 22 settembre 2010 - 10:33


--------------------
Tuia - Tuietta alias Tuino - Zira - May - Panna

Tuia - Tuietta alias Tuino - Zira - May - Panna

Socio dell'Associazione Vittime degli Affidi Provvisori di Gattolandia
PBEmail gebruiker
Top
dorga
Inviato il: mercoledì, 22 settembre 2010 - 14:36
Citeer Bericht


Ipergatto
*******

Group Icon

Messaggi: 5137
Iscritto il: venerdì, 14 settembre 2007 - 11:56

PD



QUOTE (tuia @ mercoledì, 22 settembre 2010 - 10:27)



ps
uso anche io l'aceto e l'alcool ma uso anche il sanibox prevalentemente per i gatti e non ho la più pallida idea di chi lo produca, in effetti.
di recente ho trovato però un ottimo rimedio al dilemma su come pulire: lo faccio sempre più di rado con grande risparmio di energia (mia) e di detersivi oltre che di acqua. poichè questo influisce in maniera decisamentepositiva sull'andamento del pianeta credo che puliro sempre meno. clol.gif
e comunque d'ora in avanti solo gatti Sphinx.

faccina52.gif



--------------------
Kalì*Attila*Alice*Arwen*Artemisia*Il Mucca*Harlock*Pablo*Gipsy*Amelie*Pimpa

Bia*Zorba*Maia*Heidi*Trilli*Ciccia*Homer


user posted imageBONNI*SHIRA*HOOK*MARTINA*LAMU*KINDER*SISSI*FONZIE*CIACKY*MARGEuser posted image


user posted image
PBEmail gebruikerGebruiker
Top
dorga
Inviato il: mercoledì, 22 settembre 2010 - 14:44
Citeer Bericht


Ipergatto
*******

Group Icon

Messaggi: 5137
Iscritto il: venerdì, 14 settembre 2007 - 11:56

PD



adesso entro in un ambito prettamente femminile ... insomma quando la donna è più donna ...quando noi donzelle alterniamo l'insoprrimibile voglia di torturare fino alla morte il camionista che ci taglia la strada, all'insopprimibile fluire di lacrime per quel tono nella sua voce che , sì ha detto ciao ..ma ci deve essere dietro qualcosa ... insomma anche con il ciclo si può essere attente cgoofy.gif cbiggrin.gif è da tempo che questo fantastico ritrovato della scienza e della tecnica attira la nostra attenzione ..una coppettina in silicone sterilizzabile e riutilizzabile, cosa ne pensate? qualcuna la usa?

http://www.labottegadellaluna.it/mooncup_c...a_mestruale.asp




--------------------
Kalì*Attila*Alice*Arwen*Artemisia*Il Mucca*Harlock*Pablo*Gipsy*Amelie*Pimpa

Bia*Zorba*Maia*Heidi*Trilli*Ciccia*Homer


user posted imageBONNI*SHIRA*HOOK*MARTINA*LAMU*KINDER*SISSI*FONZIE*CIACKY*MARGEuser posted image


user posted image
PBEmail gebruikerGebruiker
Top
billy7
Inviato il: mercoledì, 22 settembre 2010 - 14:52
Citeer Bericht


Gatto
***

Group Icon

Messaggi: 604
Iscritto il: mercoledì, 29 aprile 2009 - 11:02





Questa proprio mi mancava.... faccinasici.gif
Sarebbe interessante saperne di più, magari da chi già ne fa uso

Messaggio modificato da billy7 il mercoledì, 22 settembre 2010 - 14:53


--------------------
PBEmail gebruiker
Top
olimindy
Inviato il: mercoledì, 22 settembre 2010 - 20:25
Citeer Bericht


Gatto
***

Group Icon

Messaggi: 928
Iscritto il: giovedì, 24 luglio 2008 - 19:34

Torino



A proposito dei farmaci generici:

La scelta del generico al posto del farmaco di marca può essere uno strumento veramente efficace da usare per non rimpinguare le casse delle case farmaceutiche e per non "aiutarle" a mettere in commercio farmaci sempre nuovi - e inutili - testati su animali. La scelta in questo caso è infinitamente più semplice che per i cosmetici, perché, mentre per i cosmetici non esiste un "marchio" che li contraddistingue, ma bisogna munirsi di una lista di aziende "positive" (e sperare che sia quella giusta), per i farmaci è facilissimo: quando andate a comprarne uno in farmacia, potete chiedere al farmacista "Esiste un generico corrispondente?". E lui è tenuto a dirvelo. Anzi: dovrebbe proporvelo lui, per legge.
E facendo così, risparmiate anche dei soldi: i generici costano meno, per legge almeno il 20% in meno del corrispondente farmaco "di marca"

(tratto da http://www.novivisezione.org/info/generici.htm)


E a proposito del 5 per mille:

Se non vuoi finanziare la vivisezione, fai attenzione a scegliere solo le associazioni di cui sei certo che non fanno sperimentazione animale, a non dare mai una preferenza generica senza destinatario specifico (perché gran parte dei soldi delle preferenze generiche vanno di nuovo a queste associazioni, non solo per il settore ricerca scientifica o sanitaria, ma anche per il settore volontariato!), e a evitare le università. E' semplice: basta che scegli una qualsiasi associazione che non abbia nulla a che vedere con la ricerca medica, oppure, se vuoi dare il tuo 5 per mille per aiutare i malati, scegli una delle associazioni "positive" indicate nella pagina della campagna Per una ricerca di base senza animali


--------------------
PBEmail gebruiker
Top
olimindy
Inviato il: mercoledì, 22 settembre 2010 - 21:15
Citeer Bericht


Gatto
***

Group Icon

Messaggi: 928
Iscritto il: giovedì, 24 luglio 2008 - 19:34

Torino



Rispondendo a Tuia sui prodotti alimentari: le varie multinazionali oltre a produrre detersivi e cosmetici possiedono anche svariati marchi di alimenti, per esempio la Findus è di proprietà della Unilever. Quindi se io acquisto un pacco di surgelati Findus, magari non sto comprando un prodotto che è stato testato su animali, ma sto dando comunque i miei soldi a una multinazionale che effettua atroci esperimenti per altri prodotti. Inoltre queste multinazionali non hanno alcun rispetto per l'ambiente, sfruttano le risorse e i lavoratori, anche bambini, del terzo mondo, usano pesticidi e ogm e inquinano alla stragrande. Senza contare che ci propinano alimenti pieni zeppi di zuccheri, sale, conservanti, coloranti e additivi dannosi... Inoltre:
"Le ricerche sulla nutrizione, per lo studio degli effetti dei singoli nutrienti o delle loro combinazioni, vengono spesso svolte su animali." (frase tratta da http://www.novivisezione.org/info/studi_nutrizionali.htm l'articolo in questione tratta nello specifico dei test effettuati su migliaia di topi per la Coca-Cola).

Riguardo ai cosmetici "buoni", quelli che si trovano nei supermercati sono proprio pochissimi, io ho trovato solo i Provenzali al Bennet e i prodotti della Coop. Tutti gli altri si trovano in posti come Biobottega, Naturasì o qualche erboristeria ben fornita, o si acquistano online. Invece la maggior parte dei comuni cosmetici e prodotti per l'igiene personale e della casa, oltre ad essere testati su animali, sono molto inquinanti e contengono sostanze cangerocene e derivati del petrolio, compresi quei famosi prodotti che milioni di mamme spalmano quotidianamente sulla delicata pelle dei loro bambini di pochi mesi...

Messaggio modificato da olimindy il mercoledì, 22 settembre 2010 - 21:26


--------------------
PBEmail gebruiker
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Onderwerpopties Reageren op onderwerpStart nieuw onderwerpStart poll

 

 


MKPortal M1.1 Rc1 ©2003-2005 All rights reserved
0.15147 11